Percorsi Iniziatici, Sacred Feminine

‘La Via della Rosa’ per Maria Maddalena (Rito)

di Carla Babudri

Il 22 Luglio si onora la grande sacerdotessa di tutti i tempi: Maria Maddalena.
Finalmente riconosciuta dalla chiesa, questa figura di donna sta riemergendo come un grido dalle radici più profonde della terra, per riscattare il suo potere e la sua sacralità.

Ma come mai adesso Maria Maddalena è così al centro dell’attenzione?

Stiamo finalmente uscendo dai vecchi paradigmi.
Maria Maddalena era la compagna di Gesù Cristo, non era perversa, non era una prostituta, ma una donna vulnerabile, innamorata di un uomo che condivideva il suo amore con tutta la gente.
Una donna capace di amare e di capire fino in fondo il sacrificio del suo uomo, a tal punto da accettare il suo martirio terreno per una “ascesa” più importante della loro realtà di coppia.

Nei vangeli gnostici c’è scritto molto sugli insegnamenti del Cristo a Maria Maddalena, non a caso lei fu la prima a ottenere il messaggio da parte di Gesù dopo la risurrezione, ovvero di continuare a diffondere i suoi insegnamenti.

Non dobbiamo neanche  trascurare che tra i due c’era una intimità elevata con meravigliose componenti erotiche.

L’immagine di Maria Maddalena, purtroppo nel tempo è stata svilita e torturata in ogni modo, e nel suo nome non riconosciuto, tante donne hanno perso dignità, consapevolezza, rifiuto del corpo e del femminile.

L’anima ha sete di verità, adesso.
Sete di cambiamenti, ed aspetta il ritorno del Sacro Femminile depositato nell’utero sacro di ogni donna, un meraviglioso richiamo all’unione d’amore.

La Luna Nuova di Luglio in Cancro apre le porte al Sacro Femminile.
Ora il 22 Luglio si celebra la Sacra Maria Maddalena.
Quindi in questo giorno speciale si celebra il nostro sacro utero: la celebrazione dei poteri del femminile, un giorno in cui la connessione profonda con Maria Maddalena onora la nostra sensualità, tirando fuori l’amore e la poesia dai nostri cuori.

Tutte le donne possono svolgere il rito, anche chi l’utero non lo possiede più, esiste sempre un utero spirituale vivente in ogni donna.

Anche gli uomini possono partecipare, onorando l’utero primordiale di colei che l’ha generato e/o quello della propria compagna.
Entrare in sintonia con l’utero per un uomo è ritornare a casa, recuperare le forze, ritrovare se stesso per partorirsi ancora… assaporando la rinascita e  diventando così il custode del Sacro del Femminile.

Il Rito

Occorrente:
Delle rose fresche del colore che preferisci, delle candele bianche (ne bastano tre) e soprattutto serve il tuo cuore aperto e pronto a ricevere.

Cosa fare:
Trova un luogo tranquillo, accendi le candele e tieni vicino i fiori in una vaso oppure puoi fare anche un cerchio di rose, ed entrarci dentro, è molto suggestivo e potente, (avendo cura poi di rimettere i fiori nel vaso).
Rilassati, incomincia a respirare trovando una posizione comoda, visualizza il tuo utero o l’utero della tua compagna (per gli uomini), immagina che una grande ondata di luce avvolga questo magnifico organo, che guarisce e viene ripulito da ogni forma di pensiero e liberato.

Connettiti con il tuo cuore, immagina che davanti a te si apra una rosa in fioritura e dal profondo una figura femminile che ti viene incontro abbracciandoti.
Sei dentro il potere cosmico di Maria Maddalena, invocala e consacra il tuo utero ( o l’utero della tua compagna per gli uomini) sul sacro potere della “Via della Rosa”.

Magdalene-Rose

Rimani nelle energie profonde di questo caldo spirito amorevole e pronuncia queste parole:

Seguo le parole delle mie antenate, trasportata/o dal flusso del mio cuore, del mio amore.
Onoro me stessa/o, (onora la mia donna, per gli uomini), seguendo il sentiero dell’amore seguo me stessa/o
.

Guardiana della saggezza, seguo la Via della Rosa, l’antica via della stirpe delle sacerdotesse.
Benedici il mio grembo ( benedici il grembo di…pronunciare il nome della donna, per gli uomini) e quello di tutte le donne.

Sovrana del Sacro Femminile, ti onoro e ti riconosco nell’infinito mare cosmico di quell’amore perduto e ritrovato oggi.

Consacro il mio utero a te,(consacro la mia rinascita e l’utero di… pronunciare il nome della donna, per gli uomini) Sacerdotessa del Femminile Sacro, Dea portatrice dell’abbondanza e dei misteri sessuali, sovrana della verità e dell’eterna saggezza, attraverso me sarai pienamente incarnata.

Mi sciolgo nel mistero e nella magia della stirpe delle rose, per riprendere i mie poteri nell’infinita grazia.

Sono figlia/o della stirpe
Sono figlia/o della stirpe
Sono figlia/o della stirpe

Chiedo di essere benedetta/o nella verità non ho peccato e onoro tutti i piaceri del corpo e dello spirito, nella mia innocenza erotica e nel mio cuore, ripristinando il mio livello di energie maschili e femminili.

Da oggi sono intera/o
Da oggi sono Unificata/o
Da oggi sono presente
Da oggi sono centrata/o nel mio corpo, nel mio piacere, nel mio cuore.
Sacra/o, Sovrana/o, Sensuale e stabile.
Cosi Sia!

Resta ancora in questo spazio sacro.
Se senti il bisogno di piangere, liberati, stai onorando l’utero sacro, l’energia primordiale.
Ringrazia Maria Maddalena e lasciati andare alle sensazioni di piacere, di leggerezza e rilassamento nel tuo cuore e nel corpo…’

Fonte: Naturagiusta
Photo Credits: Priestess Rising


Rosa Mistica
La tradizione della Dea nel Nuovo Testamento

Ti può interessare: Il Tempo della Madre – Il profumo della Nuova Coscienza

1 pensiero su “‘La Via della Rosa’ per Maria Maddalena (Rito)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...