Food for Soul, I Racconti degli Dei

Ritorna ad ascoltare la Voce degli Dei

di Carla Babudri

Gli dei hanno un loro modo personale di comunicare con ognuno di noi, purtroppo con lo scorrere dei secoli abbiamo dimenticato come ascoltarli.
Alcuni dicono che si sono dimenticati dell’umanità, ma in realtà è il nostro cuore che, indurendosi pieno di paura, ce li fa sentire distanti.

Vi dono qualche suggerimento, per individuare gli Dei nel quotidiano: una mia visione moderna legata al significato dell’archetipo del Dio.

I Politeismo, che i cristiani hanno combattuto, è solo una maniera di esprimere l’idea che tutta la natura è abitata da Dio. Non si creda che i pantheon induisti, egizi, greci… siano scaturiti dai cervelli di uomini tanto  ingenui e superstiziosi. Anche la religione ebraica, che è la prima nella storia ad avere insistito sulla realtà di un Dio unico, sì, anche la  religione ebraica nella Cabala ha presentato Dio con differenti nom che esprimono i Suoi differenti attributi e le Sue differenti manifestazioni nell’universo. Tutte le religioni, sotto forme più o meno elaborate, ripetono sempre la   stessa verità: Dio , che ha creato l’universo, può rivelarsi attraverso tutte le manifestazioni viventi dell’universo, di cui noi conosciamo soltanto una parte infinitesimale.

-Omraam Mikhael Aivanhov

Diamo quindi voce agli Dei che ci circondano ancora e ovunque…

Mi hai dimenticato? Sono Zeus, il mio ruggito, il mio grido di battaglia lo riconosci quando i raggi blu cadono sui palazzi, e il tuono percorre i campi coltivati le pianure ricoperte di erba, io sono lì…

Sono sempre stata vicino al cuore per proteggerti! Sono Hera e continuo ancora a cantare la canzone della vita nella culla ai bambini appena nati e a quelli che ancora devono nascere.
Sussurro coraggio a tutte quelle persone che lottano per sopravvivere, cercami nei loro occhi…

Cammino sulla superficie per proteggerti. Sono Demetra e sibilo attraverso le strade della città, mi trovi nello scricchiolare delle foglie cadute, nel fruscio delle frasche a primavera, ti ricordo sempre che sei collegata alla natura.

Lo senti il profumo mare? Sono Poseidone e risuono attraverso le nebbie, attraverso le barche, le navi e nell’ondeggiare delle onde sugli scogli, ascolta le conchiglie per ritrovare la mia poesia.

Quanta libertà… sono Apollo e la mia voce suona attraverso il volo di uccelli che cercano riparo, o tra i raggi del sole che filtrano dalle finestre e gli arcobaleni riflessi sul pavimento. Accarezza i scintillii, proverai la magia della luce.

untitled
©Marta Bevacqua Photograph

Ti amo da sempre… sono Afrodite e nel cuore sussurro ”ti amo” tra le risate della gente, i gemiti e i sorrisi dei bambini, tra gli amanti intimiditi, apri il tuo sguardo e voltati, mi vedrai ovunque…

Ti difendo, ti proteggo… Urlo nella protesta, nelle voci di tutte le donne mentre sollevano le mani per chiedere uguaglianza e nella luna piena che si riflette nell’acqua, sono Artemide, sono dietro e dentro di te…

La potenza e la vitalità è sempre stata qui con te… Sono Ares, mi senti tra le grida degli sportivi, negli stadi, negli inni, nei cori potenti di uomini che suonano il tamburo, nei piedi che calpestano la terra per ballare…

Mi senti? Sono nel silenzio delle biblioteche, nel girare una pagina di un libro, nel graffio di una piuma, sono Hermes e brillo nelle menti assetate di sapere, nella leggerezza dei veli e delle tende…

Sono Dionisio e mi puoi ascoltare nello spirito del giovane che applaude se stesso e festeggia. Rendendo la tua vita piacevole, mi troverai nella vita che acclama…

Lo sai che abito negli anziani che parlano? Nelle storie raccontate ad alta voce, nei pomeriggi d’autunno, nel sole che filtra tra gli alberi invernali, sono Atena…

Io ti accolgo sempre e ovunque… sono Estia e sorrido in ogni casa che ti dà il ”benvenuto”, nel bip del forno con un buon dolce pronto, nel sospiro di relax della tua casa, nel calore delle coperte che ti avvolgono nelle sere fredde invernali…

Sono oscuro è vero, ma nel momento in cui il sole tramonta mi puoi ritrovare: sono Ade, mi puoi trovare in ogni scherzo dall’umorismo nero e nella notte di Halloween.

Gli dei sono tutti qui, se li cerchi li troverai…

Fonte: Naturagiusta


I Santi Successori degli Dei
L’origine pagana del culto dei santi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...