Antichi Documenti, Archivio Stregato

L’Incanto dei Magi

di Marius Depréde

Proprio oggi è in prossimità del 6 gennaio voglio pubblicare questa bella pagina del manoscritto di Delfina Croce, vera masca piemontese, in cui si parla dei Magi, questi Tre Re che hanno attraversato il mondo conosciuto d’allora seguendo una stella e portando in dono ciò che avevano di più prezioso.

Non molti di voi sanno che i Re in effetti erano quattro e non tre (uno per punto cardinale), il quarto Re era un Persiano di nome Artaban, portò in dono tre perle grandi come uova di piccione ma che donò a chi ne aveva bisogno, giustificandosi con la sacra famiglia sembra che maria sorrise e mise in braccio il piccolo Gesù al Re asserendo che aveva portato il dono più prezioso.

‎Scultura del 4° secolo da un sarcofago paleocristiano nel Museo Vaticano che raffigura l’adorazione dei Magi.‎
 

Detto questo anche Delfina ha trascritto un’ antica usanza che io trovo davvero particolare, come al solito la riporto fedelmente.

***

Giorno di Venere del dodicesimo mese, 1886.

Nonna che grande saggia era avea un rituale prima dell’avvento dei Tre Magi, dopo le feste natalizie ella richiamava nella sua casa i grandi Maghi d’oriente.

Posto che i Re non erano tre ma quattro, il quarto misterioso re che percorreva le terre conosciute a dorso di asino e avea un nome che rispondeva a Artaban.

Preparate due piccole assi di legno non più grande di una spanna, ma anche dei legni sono adatti.

Creatasi una croce di egual lati legata con filo di spago di corda incidete sui quattro lati le iniziali dei Magi.

A nord (lato alto) incidete la lettera “M” corrispondente a Re Melech;

a est incidete la lettera “B” corrisponde a Re Balthazar;

a ovest incidete la lettera “G” corrisponde a Re Galgalath;

a sud incidete la lettera “A” corrisponde a Re Artaban.

Eseguito questo dite queste parole:

Re Melech, Re Balthazar, Re Galgalath e Re Artaban!

Da nord a sud, da est a ovest proteggete la mia casa con la vostra magia, possano le stelle che per voi nessun mistero celano essermi propizie!

Questa croce proteggerà la vostra dimora per un anno se posta sull’uscio di casa, al fine bruciate la croce e fatena una nuova il futuro anno prossimo.

***

Ecco qui, piccolissimo ma carino, un semplice gesto e una credenza che proteggerà un po di più la nostra casa.

Grazie di cuore e ancora auguri a tutti.

Fonte: La Cantina del Rustico


Artaban
Il quarto re
I Magi
Custodi della segreta saggezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...